Cultura&Storia castrocaro veglia in piazza

Pubblicato in novembre 27th, 2013 | da Daniele

A VEGIA IN PIAZA IN TERRA DEL SOLE



Di tutte le proposte folkloristiche per il Natale in Romagna questa di Castrocaro-Terra del Sole ci è parsa la più affascinante: sarà il nome in dialetto, sarà il simbolismo, saranno i cenni storici o la filastrocca dell’accensione, fatto sta che La veglia in piazza al calore del fuoco “A Vegia in Piaza” in Piazza d’Armi a Terra del Sole (FC) ci ha conquistato.

Ecco i dettagli: “In occasione delle feste natalizie sopravvive in alcune località l’usanza di accendere un tronco di quercia alla vigilia di Natale. Sul ceppo si sistemava altra legna che bruciava più facilmente sicché esso si consumava lentamente durante i dodici giorni natalizi fino all’Epifania che rappresentano i dodici mesi dell’anno. Ora, questa tradizione è stata ripresa dal 1992 a Terra del Sole e, in forma più attuale, si accende nella grande piazza, a fianco dell’albero di Natale, installato dalla Ass. Pro Loco ed illuminato da oltre 2000 lampadine colorate, un grande camino e al riverbero e al calore del fuoco ci si ritrova per scambiarsi gli auguri, i doni, ma anche per bere in compagnia e mangiare le pietanze tipiche invernali.

La sera di Natale si procederà all’accensione e all’uscita della messa di mezzanotte verrà offerto a tutti vino brulé e si proseguirà poi fino alla mezzanotte dell’Epifania, momento nel quale il Fuoco verrà spento.Una volta, quando nelle case c’era ancora il camino, si usava accendere il “ceppo” dopo aver recitato l’Ave Maria. Si diceva che serviva per “scaldare il bambin Gesù” e doveva bruciare fino all’alba, ma non consumarsi del tutto perché lo si doveva riaccendere ogni notte, fino all’Epifania, affinché portasse fortuna.

I suoi resti si sotterravano in parte in campagna per preservare i prodotti dalle intemperie e in parte si serbavano per scongiurare le tempeste, mentre quelli meno carbonizzati si riaccendevano quando nascevano i bachi da seta per farli crescere forti e immuni da malattie.  La tradizione vuole che al momento dell’accensione si dicesse: “Si rallegri il ceppo, domani è il giorno del pane; ogni grazia di Dio entri in questa casa; le donne facciano figliuoli, le capre capretti; le pecore agnelletti, abbondi il grano e la farina, e si riempia la conca di vino“.

Poi si benedivano i bambini che dovevano avvicinarsi al camino e battere con le molle sul ceppo recitando una canzoncina detta “Ave Maria del Ceppo” che aveva la virtù di far piovere su di loro dolci e regalini.

Periodo di svolgimento: dal 24/12/2013 al 06/01/2014

Orario: tutto il giorno, 24 ore su 24.




Tags: , , ,




Comments are closed.

Back to Top ↑

  • Monumenti storici, architettura, arte e folklore che rappresentano il patrimonio culturale di una terra così ricca. Crocevia di popoli e sovrani, personaggi storici e artisti, signorie e nobili famiglie. Meraviglioso paesaggio che raccoglie e custodisce grandi testimonianze. I luoghi raccontano la storia delle persone che qui hanno visto incrociare i propri cammini. I paesaggi custodiscono storie, segreti, leggende da ascoltare per rimanerne incantati.


  • DILLO CHE AMI CULTURA E STORIA

  • ROMAGNA.COM HOTEL COLLECTION

  • ROMAGNA.COM su FACEBOOK

  • ROMAGNA.COM NEWS