Enogastronomia piadamorti

Pubblicato in ottobre 28th, 2013 | da Giulia

LA RICETTA DELLA PIADA DEI MORTI



Come ogni anno ad ottobre, in Romagna arriva il momento in cui nei forni è possibile acquistare un dolce tipico che ricorda l’autunno dalle foglie cadenti, le giornate fredde di sole, le tipiche sagre paesane e la Festa dei Defunti. La Piada dei Morti inizia ad essere cucinata a metà ottobre e per tutto il mese di novembre, è un dolce semplice adatto ad essere gustato dopo pasto con un buon bicchiere di vino o per colazione con una buona tazza di caffè.

Sveliamo la ricetta di questo dolce antico, tipico dell’autunno romagnolo che renderà più dolce anche il vostro! 😉

INGREDIENTI:

IMPASTO
250 gr di farina 00
250 gr di farina Tipo Manitoba, ma in origine si usava il grano duro
120 gr di zucchero
100 gr di olio EVO (la metà si può sostituire con burro o olio di riso)
2 uova intere
20 gr lievito di birra
150 gr di latte
50 gr di vino rosso
70 gr di uvetta
30 gr di pinoli
2 o più cucchiai di anice (facoltativo)

FARCITURA
80 g di gherigli di noci
80 g di mandorle
30 g di pinoli

GLASSATURA
1 tuorlo con 2 cucchiai di latte
50 gr zucchero a velo con 2/3 cucchiai di latte

PROCEDIMENTO:

Sciogliere il lievito con 2 cucchiaini di latte tiepido e 1 di zucchero per 20 minuti.
Impastare zucchero, farine, olio, uova, latte tiepido e, alla fine, lievito di birra.
Lavorare fino ad ottenere un impasto liscio e non appiccicoso.
Versare l’impasto in una ciotola, ricoprirla con la pellicola e lasciare lievitare una notte.

Il giorno dopo lavorare pochi secondi l’impasto con le mani unte di olio e stenderlo in una teglia di 30 cm di diametro con carta da forno.
Decorare tutta la superficie con la frutta secca e spennellare il tutto con il tuorlo sbattuto con 2 cucchiai di latte.
Lasciar lievitare per altre 2/3 ore e informare in forno caldo a 180°.
Cuocere per 15 minuti e sfornare.
Sciogliere 50 gr di zucchero a velo in 2/3 cucchiai di latte e spennellare tutta al superficie del dolce quando è ancora caldo.




Tags: , , , , ,




Comments are closed.

Back to Top ↑

  • I tesori culinari che sono frutto del territorio si combinano nelle ricette tipiche per dar vita a gusti autentici e sapori genuini. È in Romagna che appetito e arte culinaria trovano libertà di espressione, materie prime di qualità e ricette frutto di fantasia creativa. Intensi profumi e sapori genuini danno vita alla cultura della buona tavola. Un successo consolidato dovuto al felice binomio fra prodotti del territorio e lavoro dell’uomo.


  • DILLO CHE AMI L'ENOGASTRONOMIA

  • ROMAGNA.COM HOTEL COLLECTION

  • ROMAGNA.COM NEWS


  • ROMAGNA.COM su FACEBOOK