Enogastronomia ambraditalamello

Pubblicato in ottobre 24th, 2014 | da Daniele

L’AMBRA DI TALAMELLO: IL FORMAGGIO DI FOSSA DI TALAMELLO



XXIX Fiera del formaggio di fossa L’AMBRA DI TALAMELLO nel centro storico di Talamello (RN), nelle due domeniche del 9 e del 16 novembre.

Talamello, nell’Alta Valle del Marecchia, stuzzica golosi ed appassionati con la fiera del suo inconfondibile formaggio di fossa, stagionato nelle fosse scavate nella roccia arenaria come da antica tradizione introdotta nel Medioevo.

Nei punti ristoro oltre che nei ristoranti del centro si troveranno appetitosi menu a base di formaggio di fossa. Come ogni anno, anche in questa edizione saranno proposti “gemellaggi gastronomici” con altre produzioni tipiche e tradizionali d’Italia. Incontri, conferenze e spettacoli arricchiranno le giornate della fiera. Da prodotto di nicchia di una piccola terra di confine, il prodotto si è espanso fino alle soglie del mercato internazionale. Vendita dell’Ambra direttamente dai produttori.

Tra mito e storia la leggenda ne fa risalire l’origine al XV secolo, quando nacque l’esigenza per i contadini dell’Appennino romagnolo-marchigiano di difendere le proprie provviste dalle truppe di Alfonso d’Aragona. Sconfitto dai francesi, il principe spagnolo aveva infatti ottenuto l’ospitalità del Signore di Forlì Girolamo Riario; ma in breve a palazzo le risorse cominciarono a scarseggiare e i soldati iniziarono a saccheggiare le campagne in cerca di cibo.
I contadini, per difendersi, presero l’abitudine di nascondere le provviste nelle fosse di arenaria. A novembre, una volta partiti gli eserciti e finite le scorrerie, le dissotterrarono e il miracolo si era compiuto: scoprirono che il formaggio aveva cambiato le proprie caratteristiche organolettiche ed era nato quel prodotto tipico che oggi, a distanza di oltre 500 anni, viene inserito a pieno titolo tra le peculiarità della cucina italiana.

Ogni estate tutte le fosse vengono ripulite e asciugate con un falò di paglia e sterpi, poi, una volta sistemato con un tavolato il fondo per creare un incavo in cui raccogliere il liquido, si ricoprono le pareti con un’intelaiatura di legno e canne foderata di paglia. Quindi vi si depongono forme di pecorino, vaccino o misto in sacchi di cotone bianchi, si chiude la sommità con tavole e gesso e dopo tre mesi si “raccoglie” l’inconfondibile prodotto.

Tutte le domeniche degustazione dell’“Ambra di Talamello” con i vini gemellati a cura dei sommelier del Montefeltro.




Tags: , , ,




Comments are closed.

Back to Top ↑

  • I tesori culinari che sono frutto del territorio si combinano nelle ricette tipiche per dar vita a gusti autentici e sapori genuini. È in Romagna che appetito e arte culinaria trovano libertà di espressione, materie prime di qualità e ricette frutto di fantasia creativa. Intensi profumi e sapori genuini danno vita alla cultura della buona tavola. Un successo consolidato dovuto al felice binomio fra prodotti del territorio e lavoro dell’uomo.


  • DILLO CHE AMI L'ENOGASTRONOMIA

  • ROMAGNA.COM HOTEL COLLECTION

  • ROMAGNA.COM NEWS


  • ROMAGNA.COM su FACEBOOK